TECNOLOGIA JAVA non disponibile sul tuo Computer!

Scarica gratuitamente Java.
 Sviluppo & Gestione Impresa
 Servizi alle imprese
 Servizi al cittadino
 Area riservata
 Mailing List
 Contattaci




BANDO: AIUTI ALL’AVVIO DI MICRO E PICCOLE IMPRESE INNOVATIVE.


Pubblicato il 03 marzo 2010





SOGGETTI BENEFICIARI:
  1. Micro e piccole imprese non devono essere costituite da più di sei mesi alla data della presentazione della domanda di concessione. (Sarà pubblicato un bando ad hoc per le imprese innovative già esistenti da più tempo).
  2. Le imprese devono essere costituite nella forma di società e devono avere sede legale e operativa in Puglia:


    1. Microimpresa: imprese che occupano meno di 10 dipendenti e realizzano un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiori a 2 milioni di Euro;
    2. Piccola impresa: impresa che occupa meno di 50 dipendenti e realizzano un fatturato annuo o un totale di bilancio non superiore a 10 milioni di euro.




INIZIATIVE AGEVOLABILI:

Progetti di investimento per la creazione di attività produttive o di servizi che intendano mettere a valore i risultati di un’attività di ricerca svolta precedentemente.



SETTORI DI INTERVENTO:

  • Materiali avanzati;
  • Logistica avanzata;
  • Aerospazio, aeronautica ed elicotteristica;
  • Sistemi avanzati di manifattura;
  • ICT;
  • Ambiente e risparmio energetico;
  • Salute dell’uomo;
  • Sistema agroalimentare.
Sono esclusi:

  1. pesca e acquacoltura;
  2. costruzione navale;
  3. industria carboniera;
  4. siderurgia;
  5. fibre sintetiche;
  6. attività connesse con la produzione primaria (agricoltura e allevamento).
Non sono ammissibili iniziative commerciali riferite alla sezione G della classificazione ATECO 2007



INTENSITÀ DELL’AIUTO:

Le agevolazioni non potranno superare l’importo totale di Euro 1.200.000, con un limite di Euro 400.000 erogabili per annualità.

L’aiuto sarà erogato in forma di contributo:

  1. in conto impianti per gli investimenti e non potrà superare il 60% delle spese ritenute ammissibili;
  2. in conto esercizio per la gestione secondo le seguenti modalità:


    • contributo non superiore al 35% delle spese ritenute ammissibili sostenute nei primi due anni;
    • contributo non superiore al 25% delle spese ritenute ammissibili sostenute nell’annualità successiva.


SPESE AMMISSIBILI:

Sono ammissibili spese relative a:
  1. spese in attivi materiali:
    • opere edili;
    • impianti;
    • macchinari e attrezzature varie, nuovi di fabbrica.


  2. spese in attivi immateriali legate ad investimenti in trasferimento di tecnologie mediante acquisizione di licenze di sfruttamento o di conoscenze tecniche brevettate o non brevettate qualora soddisfano le condizioni previste dall’Avviso.
Le spese ammissibili per investimenti devono rappresentare almeno il 30% dei costi complessivamente richiesti ad agevolazione.



Sono ammissibili le spese relative alla gestione:

  1. spese per personale dipendente inclusi oneri sociali obbligatori;
  2. spese amministrative e tasse diverse dall’IVA;
  3. locazione di immobili destinati all’esercizio di impresa;
  4. locazione finanziaria di macchinari e attrezzature;
  5. energia, acqua, riscaldamento.
Non sono agevolabili le spese per salari e stipendi, se riferite al pagamento di prestazioni lavorative di soci o amministratori dell’impresa beneficiaria.

I costi di ricerca e sviluppo devono rappresentare almeno il 15% del totale dei costi operativi in uno dei tre anni prospettati nel piano di impresa.



Non sono ammissibili:

  1. le spese notarili;
  2. le spese per l’acquisto di software e programmi informatici;
  3. le spese concernenti le imposte sul reddito d’impresa e all’IVA;
  4. le spese per acquisto d’immobili;
  5. le spese per opere di manutenzione ordinaria;
  6. le spese relative all’acquisto di scorte;
  7. le spese relative all’acquisto di macchinari ed attrezzature usati (secondo le indicazioni riportate al comma seguente);
  8. i titoli di spesa regolati in contanti o con modalità di pagamento non tracciabili;
  9. le spese di pura sostituzione;
  10. le spese sostenute con commesse interne di lavorazione, anche se capitalizzate ed indipendentemente dal settore in cui opera l’impresa;
  11. le forniture cosiddette “chiavi in mano”;
  12. gli acquisti da parenti o affini entro il secondo grado del beneficiario o di uno dei soci o amministratori dell’impresa beneficiaria anche nel caso in cui il rapporto di parentela sussista con un soggetto che rivesta il ruolo di amministratore o socio dell’impresa fornitrice;
  13. i titoli di spesa nei quali l’importo complessivo dei beni agevolabili sia inferiore a 500,00 euro per le spese di investimento e a 50,00 euro per le spese di gestione.
Il bando è a sportello fino all'esaurimento delle risorse. Le domande di ammissione devono essere presentate a partire dal 15 marzo 2010



Per ulteriori informazioni contattate:

Sviluppo & Gestione Impresa S.r.l., a Corato (BARI) Viale Vittorio Veneto n. 14.

Centralino: 080-898.55.85

email








Torna alla pagina principale.





Città:
Arrivo: Partenza:
Adulti: Bambini:
Ulteriori opzioni


zanox Partner promuovono Partner
importo (Euro):
durata del prestito: